A tutti i docenti
Ai coordinatori di classe
Ai fiduciari di plesso
Sul sito web

 

Oggetto: Adozione libri di testo anno scolastico 20182019: riferimenti normativi e procedura

In riferimento alla normativa vigente, si segnalano, di seguito, procedure, ruoli e tempistica da rispettare per il compimento delle operazioni di adozione dei libri di testo a.s. 2018/2019, e si inviano (in allegato)  i riferimenti normativi e le schede da compilare.

Compiti e tempistica

  1. I fiduciari di plesso, per la scuola primaria, e i coordinatori di classe, per la scuola secondaria di I° grado, presiederanno alle operazioni per la conferma/nuova adozione avendo cura di raccogliere/compilare le schede allegate alla presente comunicazione.

N.B.Nella compilazione, si ricorda ai docenti di porre particolare attenzione ai codici ISBN (di 13 cifre). Si raccomanda, pertanto, la consultazione dei siti delle case editrici per verificare i codici, i prezzi e per acquisire chiarimenti in merito alle caratteristiche tecniche dei libri. Il docente che propone l’adozione di un nuovo libro di testo dovrà presentare una relazione scritta compilando l'apposita scheda allegata.

  1. Fiduciari e coordinatori (rispettivamente entro il 05 maggio ed entro l’08 maggio) consegneranno le schede contenenti le proposte di conferma/nuova adozione al primo collaboratore.
  2. Il Collegio dei Docenti, nella seduta dell’11 maggio 2018, assumerà la delibera formale di adozione.

Indicazioni Operative

  • I docenti possono accedere al catalogo AIE delle opere scolastiche www.adozioniaie.it.;
  • Nella scelta dei libri porranno attenzione, per quanto possibile, anche al contenimento del loro peso (l’allegato 1 del Decreto Ministeriale n. 781 del 27/09/2013 definisce le caratteristiche tecniche dei libri di testo nella versione cartacea, le caratteristiche tecnologiche nella versione digitale, i criteri per ottimizzare l’integrazione tra i libri in versione cartacea, digitale e mista).
  • È vincolante scegliere testi per i quali l’editore garantisca la versione online o mista, scaricabile da Internet fin dalle classi di scuola primaria.
  • Per la scuola secondaria di I grado nella scelta si dovrà tener conto del tetto massimo consentito per i prezzi al fine di consentire a tutti i docenti di introdurre il libro necessario per la propria materia rimanendo all’interno del tetto massimo di spesa.
  • Si dovrebbe cominciare a considerare seriamente la possibilità che i docenti procedano alla realizzazione diretta di materiale didattico digitale (art.6, c.1, legge n. 128/2013): è infatti possibile e consentito che il collegio docenti deliberi di non adottare il testo per alcune discipline e sperimentare l’impiego di materiali autoprodotti (dispense, materiale digitale).

Si ricorda che

“Ai sensi dell’art. 3 del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 27 settembre 2013, n. 781, i tetti di spesa relativi alla classi delle scuole secondarie di primo e secondo grado, da definirsi con decreto ministeriale di natura non regolamentare, sono ridotti del 10 per cento solo se nella classe considerata tutti i testi sono stati adottati per la prima volta a partire dall’anno scolastico 2014/2015 e realizzati nella versione cartacea e digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità mista di tipo b – punto 2 dell’allegato al decreto ministeriale n. 781/2013); gli stessi tetti di spesa sono ridotti del 30 per cento solo se nella classe considerata tutti i testi sono stati adottati per la prima volta dall’anno scolastico 2014/2015 e realizzati nella versione digitale accompagnata da contenuti digitali integrativi (modalità digitale - tipo c – punto 2 dell’allegato al decreto ministeriale n. 781/2013). Il collegio dei docenti motiva l’eventuale superamento del tetto di spesa, consentito entro il limite massimo del 10%” (Nota MIUR prot.n.5571 del 29/03/2018).

Si ricorda altresì che:

  • I vincoli posti dall’art. 5 della L. n. 169/2008 rafforzano l’esigenza di libri di testo che privilegino i contenuti principali e determinati di ogni disciplina, rimandando alla quotidiana azione dei docenti le integrazioni e i completamenti di volta in volta necessari;
  • Non è consentito modificare le scelte effettuate dopo l’adozione delle relative delibere da parte del Collegio dei Docenti.
  • È opportuno evitare di consigliare l’acquisto di ulteriori testi non compresi nell’elenco degli adottati e/o consigliati.

 

Il Dirigente Scolastico

Prof. Pier Giorgio BASILE

Vai all'inizio della pagina